Domenica 26 Giugno 2016
 

Il gruppo di ricerca in psicologia dell'emergenza e della sicurezza

Benvenuto nel sito del gruppo di ricerca in Psicologia dell'Emergenza e della Sicurezza dell’Università di Bologna.

Il gruppo di ricerca è specializzato nell’applicazione delle conoscenze psicologiche alla gestione di eventi avversi, incidenti o disastri. Il gruppo è stato fondato nel 2004 e regolarmente svolge progetti di ricerca in collaborazione con attori istituzionali e professionali, enti pubblici o privati che si trovano ad operare nella gestione delle emergenze.

Ambiti di interesse del gruppo sono:

  • Comportamenti umani durante incendi, alluvioni e terremoti
  • Sicurezza nelle organizzazioni safety-critical (aziende chimiche, ospedali, trasporto stradale, ferroviario e aereo)
  • Competenze non tecniche, marcatori comportamentali e gestione del rischio
  • La comunicazione in emergenza (comunicazione nella crisi, comunicazione telefonica, comunicazione delle cattive notizie)
  • Preparazione ai disastri e resilienza di comunità
  • Assessment, training e valutazione della formazione in operatori sanitari e soccorritori
  • Aspetti comportamentali nell'evacuazione da edifici e mezzi di trasporto (navi, aerei, metropolitana)
  • Simulazioni ed esercitazioni di scenari di emergenza


Guidi un automobile? Stiamo conducendo una ricerca internazionale sulle distrazioni alla guida. Compila il nostro questionario!

Compila qui il questionario sulle distrazioni alla guida


E' appena stato pubblicato un nostro lavoro in una rivista internazionale su fattori correlati ai comportamenti adottati durante il terremoto del Nord Italia del 20 Maggio 2012.

Gabriele Prati , Elisa Saccinto , Luca Pietrantoni , Carles Pérez-Testor (2013). The 2012 Northern Italy Earthquakes: modelling human behaviour. Natural Hazards.

The aim of this study was to investigate human behaviour during the 2012 Northern Italy Earthquakes. Furthermore, the current study used Kuligowski and Mileti’s (Fire Saf J 44:487–496,2009) extended model and the Social Attachment Model as a framework to explain the behavioural responses. The study included 1839 participants who were affected by the earthquake occurred in the Emilia-Romagna region (Italy) on 20 May 2012. The most frequent behavioural responses during the earthquake were moving to another room of the house, escaping from home, and waiting in bed. According to Kuligowski and Mileti’s (Fire Saf J 44:487–496, 2009) extended model, perceived risk was associated with evacuation, and emergency preparedness was related to more efficient and effective responses during the earthquake. In line with the Social Attachment Model, affiliation behaviours were more frequent than flight behaviours, while, contrary to predictions, the social context did not influence emotional responses, evacuation behaviour, and search for protection.


Segnaliamo qualche sito sulle indicazioni fornite dalle Autorità su come comportarsi in caso di terremoto.

Guida della Protezione Civile http://www.protezionecivile.emilia-romagna.it/campagne-informative/opuscolocompleto.pdf

http://www.protezionecivile.gov.it/jcms/it/cosa_fare_sismico.wp

Iniziativa internazionale Shakeout http://www.shakeout.org/italia/index_it.html

Video istruttivo su Drop Cover and Hold on http://www.youtube.com/watch?v=-a7T9Uf-JB4

Sito dell'INGV con mappa di eventi sismici recenti http://cnt.rm.ingv.it/earthquakes_map.html



Qui è possibile leggere il report di ricerca sulle reazioni alle scosse sismiche del Maggio 2012 in Italia.

Qui è possibile leggere l'opuscolo "Quando il terremoto continua: strategie per gestire la paura e lo stress durante lo sciame sismico" pubblicato nel Maggio 2012.



Per contatti,

Prof. Luca Pietrantoni

luca.pietrantoni@unibo.it .

Ricerca Rapida